Archivio news 11/03/2017

GFL MATERA C7

Sassuolo, scudetto ad un passo!

SASSUOLO: BATTE LA SAMP E METTE UNA MANO SULLO SCUDETTO. INTER DI MISURA! VINCONO MILAN E CATANIA, AL CHIEVO IL DERBY DI VERONA!

Parco Gattini – Se lo aggiudica il Sassuolo lo scontro al vertice contro la Sampdoria. Per i neroverdi si tratta della diciannovesima vittoria su venti gare disputate: un autentico record. Tre a uno il risultato al termine di una gara equilibrata con un primo tempo concluso a rete bianche ed una ripresa vivacizzata dalla doppietta di Luciano Cifarelli e le reti di Roberto Angelino e del blucerchiato Emanuele Lamacchia.

Abbastanza sofferta anche la vittoria della seconda della classe Inter. Contro una Fiorentina che, a dispetto della classifica, è in grado di sorprendere con prestazioni che non ti aspetti, i nerazzurri hanno sofferto le proverbiali sette camice riuscendo ad ottenere i tre punti nonostante i tentativi di rimonta degli avversari. Eloquente la successione delle reti con l’Inter sul doppio vantaggio grazie a Massimo Giordano e Giuseppe Biondino e la viola a segno con Nazario Melchionda. Nel Finale di gara si incaricava Nunzio Carriero di riportare a margini di sicurezza il vantaggio nerazzurro ma, al 42’, Innocenzo De Giacomo era bravo a minare nuovamente le sicurezze avversarie.

Sicuramente meno sofferta l’affermazione del Catania a spese del Napoli. Dopo il botta e risposta di Daniele Pietracito e Nicola Gialdino, il risultato è stato messo in sicurezza dalla doppietta di Eustachio Rubino.

Vince per tredicesima volta il Milan, ma molto bene si è comportato il Brescia, capace di portarsi per tre volte in vantaggio prima di cedere nel finale di gara. Alle reti di Giovanni Stifano, Angelo Di Lecce e Francesco Tamburrino, hanno risposto i rossoneri Domenico Ventura, Domenico D’Aria e Antonio Nasca, poi le reti che hanno fatto pendere la bilancia dalla parte rossonera per merito di Nasca, Donato Cristalli e Arcangelo Di Lallo.

Tutto in discesa, invece, per il Torino. Contro un Empoli alquanto dimesso i granata non hanno avuto alcuna difficoltà ad affondare i colpi e ad andare a segno per ben otto volte: tre volte con Andrea Pisanelli, due con Giuseppe Duni e una con Michele Di Liddo e Rocco Virelli. Ai toscani la consolazione della doppietta di Giuseppe Cerabona.

Cala il poker la Juventus. I bianconeri, contro ogni pronostico, hanno infatti sconfitto il forte Varese per 4 a 0. Una vittoria quanto mai salutare poiché consente in un sol colpo di superare in classifica il Bari e la Fiorentina e di agganciare l’Empoli in quint’ultima posizione, ad un passo dunque dalla zona salvezza diretta. A segno, per la Juventus, Pasquale Vizziello, Nicola D’Oppido e, due volte, Giovanni Ventura.

Se lo aggiudica la Lazio lo spareggio-salvezza con  il Bari. Le reti della svolta nella ripresa per merito di Adriano Merletto e Armando Di Giulio, mentre il primo tempo si era concluso con il minimo vantaggio dei galletti a segno con Momodu Tourey e Stanley Obasuy cui aveva risposto Giovanni Tortorelli.

Al Chievo, infine, il derby scaligero con il Verona. Le reti della vittoria, però, sono arrivate nel convulso finale di gara per merito di Giuseppe Duni, in gol al 44’ e 50’, e di Alfredo Sasntoiemma al 51’. In precedenza il gol veronesi di Domenico Vulpis e Marco Rizzo.